Pensiero Spirituale nel mezzo del deserto 09/10

 

Quando una persona crede che la vita sia solo un luogo temporaneo di prova, seguito da uno eterno e permanente dopo la morte, sarà felice due volte, nella prima con il superamento con successo all'esame terreno  e nella seconda nel giorno in cui riceverà il premio , questa convinzione getterebbe un'ombra e un impatto sul suo pensiero, comportamento e movimento molto positivo.

Questo vuol dire che il Creatore dell'uomo lo possa mettere alla prova sia con il bene sia con il male, se lo onora ed estende per lui la sua provvidenza, crede di averlo onorato e amato, e se lo mette alla prova con povertà e bisogno, crede di averlo insultato e umiliato.

                                      

                    “La tutela dell’ambiente è responsabilità di tutti”

Il legame tra ricchezza e amore del Creatore, come se fosse un privilegio, e tra povertà e bisogno, come se fosse un insulto, è un concetto sbagliato e scorretto.

  Questa è una logica scorretta, perché le cose non accadono come pensiamo o ce lo fanno sembrare.

 Una persona può essere messa alla prova nel suo denaro, nella sua salute, nelle sue forze, cosi come in tutti gli altri ambiti della vita, e di conseguenza all'esame verrà onorata o umiliata.
Ogni essere umano è responsabile, ciascuno nei limiti dei compiti assegnatigli, indipendentemente dalla sua posizione. compiere i propri dovere con bravura e onesta e sincerità. porterebbe conforto, beatitudine ed elevazione. altrimenti avremo solo angoscia, dolore e umiliazione .

Questo spiega la logica del Creatore nella prova, perché il Suo dare non è necessariamente un onore, e privarlo non è necessariamente una punizione. 
Segui ...